Forse adesso

Forse adesso sono pronta veramente: lo spazio per comunicare s’è riaperto…Da qualche notte, mi sveglio abitata da pensieri su cosa potrei scrivere. E ricordo sogni collegati con l’arte che porto avanti. Il grande regista dei sogni mi sospinge.

Questa notte la frase era: tengo da tempo una piccola raccolta di libri dell’ottocento…

Sì, tengo una raccolta di libri della fine ottocento, primi novecento di valore nullo, spesso molto macchiati e con vaghe muffe, pagine che si dissolvono sotto le dita. Libri di quelli che ai mercati delle pulci vengono venduti a scatoloni. I piccoli antiquari, svuotate cantine e solai, selezionate le cose apprezzabili, cercano di ricavare così qualcosa da ciò che altrimenti butterebbero. Li uso per farne altered books  e collage. Molti sono catechismi, salmi…

litanie

Rosa Mistica

Sabato stavo lavorando a una tecnica mista, un piccolo lavoro su carta vecchia, parole tagliate e cucite, sovrapposizioni di seta e organza.  Le Trasparenze stanno ancora lavorando in me e io con loro.

Ho aperto, ad un certo punto a caso, un librino nero, senza nemmeno guardarne il titolo. Era un libro di devozioni mariane e si è aperto a caso sulle litanie. La Mater Gaudiosa, la Mater Dolorosa.

Un momento che mi ha toccata profondamente.  Frequento da un tempo che mi sembra sempre,

un tempo che data all’infanzia, ma che appartiene anche al tempo eterno, a quello circolare

nel mio modo laico e insieme mistico le Litanie. Nella loro poesia ho sempre profondamente vissuto l’incontro con quelli che vivo come misteri del femminile: l’annunciarsi della vita, con un frullare angelico di ali nel ventre, diventare mistero vivente nell’arrotondarsi del ventre, come nella Madonna del Parto e poi Porta, Janua Coelis… e un non più potersi ritrarre dalla vita che chiama alla presenza. Presenza che non è sapere su o intorno a, ma è essere, stare, accettare…

è Resa

quanto divario tra tutto questo e il quotidiano, e il limite dell’umano, il mio limite. Eppure questo sfondo sta dentro e intorno, contenitore e contenuto e mi regala dolcezza, speranza…

About ceciliamacagno

Art therapist, artist,
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Forse adesso

  1. Aleksandra says:

    che bello rileggerti 🙂
    ben tornata!

  2. simona says:

    ciao cecilia, ti consiglio un’artista..si chiama ketty tagliatti, un salutone

  3. elena says:

    Resa… inaspettatamente (un attimo prima di scriverla pensavo di dirti, qui, altro…) mi suona come “restituita”! Nasce subito la gratitudine. Anche per il limite, perchè dice moltissimo, della Presenza. Con affetto Elena

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s