nel frattempo…

Mentre la vita accadeva nel frattempo  un poeta a me infinitamente caro se n’è andato.

Ho iniziato a leggere Seamus Heaneygrazie ad un libro di T.H.Ogden, Conversazioni al confine del sogno. Non ho più cessato.

Mi ha accompagnato, tenuto, guidato con le sue poesie; è stato una sorta di compagno interno, ha dato voce per me, mi ha consolata; è entrato nelle mie reverie e perfino nei miei sogni, come accade quando si trovano parole e suoni che corrispondono a quelli interni, che ne fanno vibrare il ritmo, ne esaltano il sapore e il profumo, ne saggiano e restituiscono la consistenza, e ne illuminano i colori.

Una delle sue poesie, Dalla repubblica della coscienza, è diventata, verso dopo verso, capitolo dopo capitolo, l’indice poetico in Trent’anni di arte terapia e danza movimento terapia, il libro che con la mia amica Isabella Bolech, ho curato per il trentennale di Art Therapy Italiana.

Ed è con questa poesia che lo voglio salutare. Anche se in ritardo.

 Dalla Repubblica della Coscienza

I

Quando atterrai nella repubblica della coscienza

c’era così silenzio quando i motori si fermarono

che potevo sentire un chiurlo in alto sopra la pista.

All’immigrazione, l’impiegato era un anziano

che aveva fabbricato un portafoglio dal suo povero cappotto

e mi mostrò la fotografia di mio nonno.

La donna alla dogana mi aveva chiesto di dichiarare

le formule di guarigione e gli amuleti della nostra tradizione

per guarire il mutismo e allontanare il malocchio.

Nessun facchino. Nessun interprete. Nessun taxi.

Ti sei portato il tuo stesso fardello e molto presto

i sintomi del tuo strisciante privilegio scompariranno.

 

II

Lì la nebbia è un presagio terribile ma un fulmine

rivela beni universali e genitori appendono

agli alberi durante i temporali bambini dondolanti.

Il sale è il loro prezioso minerale. E conchiglie

sono appoggiate all’orecchio durante le nascite e i funerali.

Il fondamento di tutti gli inchiostri e i pigmenti è acqua di mare.

Il loro simbolo sacro è una barca stilizzata.

La vela è un orecchio, l’albero una penna in pendenza,

lo scafo è a forma di bocca, la chiglia di occhio aperto.

Alla loro inaugurazione, i leaders

devono giurare sostenendo leggi non scritte e piangere

per espiare la loro presunzione di ricoprire l’incarico –

e per affermare la loro fede nel fatto che tutta la vita  proveniva

dal sale delle lacrime che il dio del cielo pianse

dopo aver sognato che la sua solitudine era senza fine.

III

 

Ritornai da quella frugale repubblica

con le mie due braccia unica misura, la donna della dogana

aveva insistito che la mia indennità fossi io stesso.

L’uomo anziano si alzò e mi fissò dritto in faccia

e disse che era stato ufficialmente riconosciuto

e che io ora avevo una doppia cittadinanza.

Egli quindi desiderava che quando tornassi a casa

considerassi me stesso un rappresentante

e di parlare per conto loro nella mia lingua.

Le loro ambasciate, mi disse, erano ovunque

ma gestite in modo indipendente

e nessun ambasciatore sarebbe stato mai sollevato.

 

Informazioni su ceciliamacagno

Art therapist, artist,
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...